Archivio Film / Film Archives

Titolo Originale:

Sweet baby J'ai on diva's breaking taboos

Titolo in Italiano:

"Sweet Baby J'Ai" sulle dive che hanno infranto i tabu
Regia: Renee Sotile - Mary Jo Godges 
Durata: 8'
Genere: Sperimentale - Experimental
Anno: 2002
Nazione: USA
Colore/B&N:
Edizione:

La performance di una percussionista che celebra le donne famose degli Anni Venti, protagoniste non solo del Rinascimento di Harlem ma del "Rinascimento" delle donne. Per meglio apprezzare gli Anni Venti bisogna risalire all'Ottocento - proclama tra un rullo di tamburi e una grattugia latinoamericana - con Susan B. Anthony, che si rifaceva a donne che l'avevano preceduta come Harriet Tubman e Sojourner Truth. Donne che hanno fatto la differenza, che hanno cambiato i loro destini. Anthony fond˛ il Movimento delle Suffragette, "dive" femministe che lavoravano duro per cambiare le cose. Nel 1910 avevano giÓ 75.000 iscritte e nel 1919 ottennero il diritto di voto In quel periodo d'oro crollarono i tab¨. Le donne dominavano nel mondo dell'arte, Georgia O'Keefe esibiva i suoi fiori-vagina, nell'industria cinematografica emergevano forti personalitÓ di donne, nel 1920 Lois Webber fu proclamata regista dell'anno. Nella musica dominava la grandiosa Bessie Smith, conosciuta come la Regina del Blues, una delle prime voci ad essere registrate nel fonografo e vendette 180.000 copie... Una lezione di storia delle donne per tenere viva la memoria.

A woman percussionist celebrates the strong women of the 20s, not just the Harlem Renaissance, but a Renaissance for women. Susan B. Anthony started the Suffragette Movement, feminist divas working hard to change their destinies. By 1910 they had 75.000 members and in 1919 the 19th Amendment was passed giving women the right to vote. The decade of breaking taboos was here. Women were dominating the world of arts: Georgia O'Keefe was showing her "vagina" flowers, in the film industry Lois Webber was voted Director of the year in 1920; in the music there was Bettie Smith, otherwise known as the Empress of the Blues... A lesson about women's history.